Art and Language Laboratory for all ages 

stARTlab

uno spazio per l'apprendimento creativo e linguistico per tutte le età 

Nodo su Nodo
Mostra Personale di Giulia de Serio - arte tessile
Inaugurazione Sabato 17 Dicembre 2016 ore 18.00
presentazione della Dott.ssa Roberta Gubitosi

La mostra è in corso dal 12 Dicembre 2016 al 12 Gennaio 2017 su appuntamento
presso Startlab, Via Piovese 225, Padova
info: [email protected]    Tel: 3406752457

GIULIA DE SERIO

Nodo su nodo

L'opera di Giulia De Serio parte da una rivalutazione del fare artigianale dovuta a una lunga esperienza sul campo del tessile. La continua ricerca e sperimentazione sui materiali e sulle tecniche di tessitura hanno portato l'artista a liberare il tessuto dalle funzioni pratiche e dalle esigenze della produzione per aprirsi a soluzioni estetiche completamente inedite. Si può parlare quindi di arte tessile o fiber art, nel senso che l'utilizzo della tessitura viene svincolato dalla finalità pratica degli oggetti di uso quotidiano per divenire strumento di espressione della realtà libera e polisemica dell'opera d'arte.

Il lavoro è basato principalmente sull'intreccio di trama e ordito, costruito attraverso il procedere ripetitivo e meccanico del telaio. L'elaborazione delle forme nel tessuto quindi seguono una struttura matematica interna data dall'infinito ripetersi e combinarsi di motivi elementari. La sperimentazione delle molteplici tipologie di filato e lo studio delle diverse tecniche di tessitura sono alla base di una ricerca che indaga le strutture primarie dell'arte tessile, quasi a voler enucleare la sintassi di questa forma espressiva per poi destrutturarla nella libertà della creazione artistica.

Osservando le opere di Giulia De Serio emerge una sintesi formale in cui tutte le componenti, dalle linee ai colori, sono coordinate all'interno del campo visivo per raggiungere un misurato equilibrio tra la divisione dello spazio del tessuto e la scansione cromatica dei colori primari e secondari. Tuttavia l'artista spesso sente la necessità di rompere la precisa costruzione geometrica intervenendo con pennellate di colore, espressione di una creatività istintiva ed emotiva. Il rigore del procedimento tecnico e la libertà creativa convivono nell'opera, quasi a simboleggiare due termini estremi e complementari dell'esistenza, continua dialettica tra ordine e caso, possibilità e necessità, rigore e fantasia, geometria e poesia.

La ricerca cromatica è incentrata sul valore percettivo del colore e della forma. È noto infatti che i tre fattori che danno luogo allo spettacolo del colore sono la luce, la materia e l'occhio inteso come processo psicofisiologico generato dalla visione. Dall'interazione della luce con la materia-tessuto ha origine il flusso luminoso che trasporta all'occhio un'enorme quantità di informazioni su tutte le variabili visive, da quelle più strettamente cromatiche a quelle relative alla lucentezza e all'omogeneità del filato, allo spessore dell'armatura e alla densità della texture. Nelle opere di Giulia De Serio il colore si manifesta attraverso vari procedimenti tecnici ed è determinato a volte dall'intreccio di filati diversi, a volte dalle tinture successive del tessuto. Quindi sulla base dei tre colori primari si sviluppano un'infinità di suggestioni ottiche dovute alla varietà di interazioni della luce con i filati e alla diversa capacità dei tessuti di assorbire il colore durante le tinture.

Roberta Gubitosi


Note biografiche

Giulia De Serio è nata a Mestre (VE) nel 1959, vive e lavora a Treviso. Nel 1976 ha conseguito l'attestato professionale per la qualifica di "Figurinista" e nel 1979 il Diploma di Maestro in Arte del tessuto. Nel 1981 consegue il Diploma di Magistero nella sezione arte del tessuto presso l'Istituto Statale d'Arte di Venezia. 

Successivamente partecipa a numerosi corsi di specializzazione sul tessuto e sulla ceramica. Dal 1993 ha ricoperto il ruolo di istruttrice in vari corsi di arte della tessitura presso le scuole medie della Provincia di Treviso. Dal 1986 al 1989 è stata docente di "Arte del Tessuto, Tappeto e Arazzo" presso l'Istituto Statale d'Arte di Vittorio Veneto (TV). Dal 2008 è presente nel panorama artistico italiano ed estero con diverse mostre personali, collettive e Fiere d'Arte Moderna e Contemporanea.